FANDOM


Il vero nemico non aspetterà la fine della tempesta. Lui porta la tempesta.
-- Jon Snow

Il Re della Notte (Night King) era il primo Estraneo ed è anche il loro comandante. Esiste sin dall'era dei Primi Uomini e comanda l'armata dei morti.

Biografia

Passato

Re della Notte umano

Il Re della Notte prima di diventare tale.

Il Re della Notte era originariamente un Primo Uomo che fu catturato da un gruppo di Figli della Foresta, tra i quali c'era anche Foglia. Quest'ultima conficca un pugnale di vetro di drago nel petto dell'uomo, trasformandolo nel Re della Notte, il primo Estraneo. Migliaia di anni più tardi, Foglia rivela a Bran Stark che quando Westeros stava venendo invasa dai Primi Uomini, che tagliavano gli Alberi Sacri dei Figli della Foresta, questi ultimi per difendersi avevano creato il primo Estraneo. Ad ogni modo, questo, insieme agli altri Estranei, è sfuggito al loro controllo ed ha dato inizio alla Lunga Notte.

Con la vittoria degli uomini e dei pochi Figli della Foresta rimasti nella Guerra per l'Alba, il Re della Notte e gli Estranei furono confinati nelle Terre dell'Eterno Inverno. Brandon il Costruttore fece costruire un'enorme muro di ghiaccio, noto come la Barriera, che sarebbe dovuto servire a prevenire una seconda discesa degli Estranei su Westeros.

Con il passare dei secoli, il Re della Notte e gli Estranei non furono più avvistati per circa 3000 anni e perciò furono ricordati solo come storie di paura del folclore e oggetto di numerose leggende, soprattutto del Nord.

Quarta stagione

Il Re della Notte compare per la prima volta in una visione di Bran Stark quando viene in contatto con Albero Cuore; in questa occasione, il ragazzo sperimenta varie immagini da presente, passato e futuro, immagini che però non comprende. Ad ogni modo, tra le varie immagini, si vede il Re della Notte prendere l'ultimo figlio di Craster da una specie di altare di ghiaccio.

Dopo che Rast mette l'ultimo figlio di Craster sul terreno della Foresta Stregata, si avvicina un Estraneo su un cavallo morto e porta via il bambino, verso le Terre dell'Eterno Inverno. Il bambino viene posto su un altare di ghiaccio circondato da spuntoni ghiacciati; in lontananza si può notare un gruppo di tredici Estranei vestiti di nero. Quello centrale, che ha in testa una corona di spine ghiacciate, si dirige verso l'altare e non appena prende in braccio il bambino, questo smette di piangere; il Re della Notte appoggia l'indice sulla guancia del bimbo, i cui occhi diventano blu e la sua pelle pallida. Probabilmente è questo ciò che è avvenuto anche agli altri figli maschi di Craster.

Quinta stagione

Night King Aspra Dimora

Il Re della Notte rianima i caduti del massacro ad Aspra Dimora come nuovi non-morti.

Il Re della Notte appare di nuovo quando Jon Snow e Tormund stanno coordinando l'evacuazione dei bruti di Aspra Dimora. Insieme a un gruppo di estranei, osserva l'attacco da una da una rupe sopra la città mentre Jon uccide uno dei suoi luogotenenti con Lungo Artiglio, una spada d'acciaio di Valyria. Mentre Jon, Tormund e gli altri difensori partono sull'ultima barca, il Re della Notte appare sul molo e guardando i fuggitivi con un gesto di sollevare le braccia riporta in vita tutti coloro che sono morti nello scontro, mostrando così a Jon e ai sopravvissuti che si stanno allontanando la sua invincibilità.

Sesta stagione

Bran e il Re della Notte

Bran Stark viene in contatto con il Re della Notte durante una delle sue visioni.

Il Re della Notte appare in una delle visioni di Bran Stark, dove lo vede come un essere umano trasformato nel primo estraneo dai Figli della Foresta. Più tardi, Bran prende la rischiosa decisione di provare una visione da solo, senza la supervisione del Corvo con Tre Occhi e si ritrova a guardare l'armata dei non-morti e il Re della Notte e altri estranei alle spalle. Bran si avvicina ed è scioccato nel vedere che il Re della Notte avverte la sua presenza. Bran si sveglia urlando dopo che il Re della Notte appare all'improvviso proprio accanto a lui e gli afferra il braccio.

Il corvo con tre occhi dice che il Re della Notte lo ha toccato, che Bran conferma quando l'impronta di una mano è visibile sul suo avambraccio. Il corvo con tre occhi dice che a causa di quel marchio, il Re della Notte ora sa esattamente dove sono, e non sono più al sicuro nella grotta.

Night King e Estranei S6

Il Re della Notte e gli Estranei attaccano la caverna del Corvo con Tre Occhi.

Il Re della Notte e il suo esercito si dirigono rapidamente verso la grotta, preceduti dalla loro aura di freddo, un segnale per i Figli della Foresta e Meera Reed. I Figli della Foresta preparano le loro difese fuori dalla caverna, ma sono rapidamente sopraffatti e sono costretti a ritirarsi nella caverna. Il Re della Notte manda il suo esercito di non-morti ad attaccare la caverna, e uccide la maggior parte dei Figli della Fortesta ed Estate, la metalupa di Bran, anche se Bran, Meera Reed e Hodor riescono a fuggire dalla caverna attraverso un tunnel posteriore. 

Il Re della Notte entra nella caverna e uccide il Corvo con Tre Occhi con in colpo della sua spada di ghiaccio.

Settima stagione

Il Re della Notte guida il suo esercito di estranei e di non-morti sempre più a sud, dalle Terre dell'Eterno Inverno verso la Barriera.

Night King e Estranei S7

Il Re della Notte e gli Estranei osservano il gruppo di Jon Snow.

Il Re della Notte è presente quando i non morti combattono Jon Snow e i suoi compagni che hanno viaggiato oltre la Barriera per catturare un estraneo da usare come prova all'incontro con i nobili di Westeros. Quando Jon e i suoi compagni sono bloccati su un'isoletta in mezzo ad un lago ghiacciato su cui i non-morti non osano camminare, il Re della Notte osserva il gruppo dall'alto di una rupe. Beric Dondarrion suggerisce di cercare di uccidere il Re della Notte dal momento che uccidere il primo Estraneo vorrebbe dire distruggere tutti questi mostri sotto il suo comando, ponendo fine alla Grande Guerra prima che inizi veramente. Jon respinge il piano, tuttavia, sostenendo che tentare di farsi strada attraverso tutta l'armata degli estranei per raggiungere il Re della Notte sarebbe un suicidio.

Night King uccide Viserion

Il Re della Notte uccide Viserion.

Quando Daenerys Targaryen e i suoi tre draghi giungono in soccorso di Jon e i suoi compagni, il Re della Notte lancia una lancia di ghiaccio verso Viserion, colpendo il drago nel collo. Viserion si schianta sul lago ghiacciato, affondando sotto le acque ghiacciate. Il Re della Notte si prepara a questo punto a colpire Drogon che è più vulnerabile poiché è sceso a terra per consentire a Jon e ai suoi compagni di salire sul suo dorso per fuggire. Daenerys Targaryen capisce il pericolo e ordina a Drogon di sollevarsi e scappare. Il drago prende il volo e schiva in tempo la lancia di ghiaccio. Il Re della Notte in seguito fa legare il cadavere di Viserion con delle catene per trasportarlo fuori dall'acqua. Centinaia di non-morti si adoperando per trascinare il cadavere del drago fuori dall'acqua ghiacciata e a questo punto il Re della Notte appoggiando la sua mano sulla testa del drago lo riporta in vita rendendolo un drago non-morto.

Viserion scioglie la Barriera

Il Re della Notte in sella a Viserion.

Gli Estranei guidano l'esercito di non-morti fuori dalla Foresta Stregata verso l'estremità orientale della Barriera, in corrispondenza del Forte Orientale. Cavalcando il drago non-morto Viserion, il Re della Notte scioglie l'estremità orientale della Barriera, bruciandola con il fuoco di drago fino a quando parte della fortificazione ghiacciata collassa, distruggendo il castello e permettendo all'armata dei morti di invadere ancora una volta Westeros mentre il Re della Notte vola sopra il Nord.

Ottava stagione

Guidati dal Re della Notte, gli estranei avanzano rapidamente verso sud e attaccano Ultimo Focolare, massacrandone gli abitanti e aggiungendoli all'esercito dei morti. Il giovane Ned Umber è trovato inchiodato a un muro nel mezzo di braccia mozzate disposte a spirale, che Beric Dondarrion deduce è un messaggio del Re della Notte stesso. 

Nel frattempo Grande Inverno prepara le sue difese contro il Re della Notte. In un consiglio di guerra, Jon Snow suggerisce di inseguire il Re della Notte, riferendosi al precedente piano di Beric Dondarrion durante la caccia all'estraneo. Bran Stark, essendo il nuovo corvo con tre occhi, si offre come esca per richiamare il Re della Notte e attirarlo in una trappola. Bran spiega che il Re della Notte verrà per lui perché vuole "cancellare il mondo, e il Corvo con tre occhi è la sua memoria". Quando la battaglia di Grande Inverno inizia, il Re della Notte dirige le sue forze sopra Viserion nei cieli sopra Grande Inverno. Durante la battaglia, Bran entra in diversi corvi per trovarlo e attirarlo fuori dal nascondiglio.

Night King fuoco

Il Re della Notte rimasto indenne al soffio di fuoco di Drogon.

Dopo aver fatto in modo che i non-morti attraversino le trincee di Grande Inverno, che sono state accese nel tentativo di impedire all'avanzata dei morti di raggiungere le mura, il Re della Notte si cimenta in un feroce duello con Jon Snow e Daenerys Targaryen sui loro draghi, Rhaegal e Drogon. Durante lo scontro il Re della Notte perde la presa dal suo drago e cade giù. Daenerys, su Drogon, vede il Re della Notte in piedi. Al suo comando Drogon sputa un'ingente quantità di fuoco sul Re della Notte, ma quando le fiamme si attenuano, vede con orrore che il Re della Notte è rimasto illeso. Il Re della Notte afferra la sua lancia di ghiaccio e la scaglia verso Drogon, che anche questa volta riesce ad evitarla per un soffio.

Night King S8 Ep3

Il Re della Notte rianima i caduti della battaglia come nuvi non-morti.

Nel frattempo Rhaegal, ferito dalla sua lotta con Viserion, crolla a terra e Jon Snow cade dal suo dorso. Jon vede il Re della Notte da solo e perciò corre per affrontarlo. Tuttavia il Re della Notte, dopo averlo visto, sollevando le braccia resuscita tutti i cadaveri attorno a lui come non-morti, proprio come aveva fatto ad Aspra Dimora. Jon si ritrova così circondato da centinaia di non-morti e non può raggiungere il Re della Notte.

Quest'ultimo entra a Grande Inverno e si dirige assieme ad altri estranei nel Parco degli Dei, dove si trova Bran, il corvo con tre occhi. Il manipolo di uomini posti a difesa di Bran viene ucciso dagli estranei eccetto Theon Greyjoy che, rimasto solo circondato dagli estranei, carica il Re della Notte che però lo devia, spezza la sua lancia e lo infilza uccidendolo. Il Re della Notte si avvicina al Corvo con Tre Occhi e i due si scambiano uno sguardo prima che il Re della Notte estragga la sua spada di ghiaccio lancia un'occhiata a Bran mentre comincia a disegnare la sua lama di ghiaccio per ucciderlo.

Arya uccide il Re della Notte

Arya Stark uccide il Re della Notte.

All'improvviso, Arya Stark si avventa da dietro sul Re della Notte con una daga in acciaio Valyria. Il Re della Notte reagisce in tempo, girandosi e bloccando la ragazza afferrando il suo braccio con l'arma mentre la afferra per la gola con l'altra mano. Ma Arya lascia cadere la daga, lo prende con l'altra mano e lo infilza nel ventre del Re della Notte, facendolo esplodere in schegge di ghiaccio. La sua morte causa la distruzione di tutti gli altri estranei e tutti i non-morti ritornano morti.

La morte del Re della Notte segna la fine della battaglia di Grande Inverno e della Grande Guerra con i viventi vittoriosi. Con la distruzione del Re della Notte, gli estranei si estinguono e la Lunga Notte non si verificherà mai più.

Dietro le quinte

  • Il Re della Notte è stato interpretato da Richard Brake nella quarta e quinta stagione mentre dalla sesta stagione fino all'ottava è stato interpretato dallo stuntman Vladimir Furdik.

Nei libri

Nei romanzi di Cronache del ghiaccio e del fuoco, per ora, non si parla di un leader o di una qualsiasi scala gerarchica all'interno del gruppo degli Estranei. Un personaggio chiamato Re della Notte (Night's King) è una figura leggendaria, ovvero un Lord Comandante dei Guardiani della Notte vissuto durante l'Età degli Eroi (quindi successivamente alla Lunga Notte) che s’innamora poi di una donna dalla pelle bianca come la luna e gli occhi come stelle azzurre, la insegue, la ama sebbene la sua pelle sia “fredda come il ghiaccio” e quando le da il suo seme, le dà anche la sua anima. Porta la donna al Forte della Notte, la dichiara sua regina e s’incorona Re regnando per tredici anni. Durante il suo regno vengono portati a termine atti orribili, le cui storie si tramandano ancora oggi nel Nord. È soltanto grazie alla forza congiunta di Brandon il Distruttore, il Re del Nord e Joramun, il Re oltre la Barriera che il Re della Notte viene sconfitto e i Guardiani della Notte liberati. 

Bisogna far presente tuttavia una grande distinzione a livello di traduzione: in italiano, infatti, il termine "Re della Notte" è fuorviante poiché, di fatto, può riferirsi sia al Re degli Estranei della serie televisiva che al leggendario Lord Comandante dei Guardiani della Notte menzionato nei libri. In lingua inglese, invece, vi è una distinzione: il Re degli Estranei della serie TV si chiama Night King (traducibile con Re Notte) senza il genitivo sassone, mentre il Re della Notte leggendario si chiama Night's King, con il genitivo sassone.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.