Il Trono di Spade Wiki
Advertisement
Il Trono di Spade Wiki

Una mappa del Mondo Conosciuto. Sothoryos non compare nella mappa.

Il Mondo Conosciuto (Know World) è un modo di indicare il mondo composto da almeno tre continenti (Westeros, Essos e Sothoryos), un'ampia massa di terra (Ulthos) e numerose isole più piccole. Nessuno dei quattro continenti è stato finora mappato completamente.

Continenti

Westeros

Westeros, o Continente Occidentale, si trova nell'estremo occidente del mondo conosciuto e si estende dalla calotta polare a nord per circa 3000 miglia verso sud. La maggior parte del continente è unificato nei Sette Regni, un'entità politica comandata dal re sul Trono di Spade, che si trova ad Approdo del Re, e costituita da nove regioni. Il confine a nord dei Sette Regni è segnato dalla Barriera, un imponente muro di ghiaccio oltre al quale si trova una tundra montagnosa abitata dal Popolo Libero. Più a nord si trovano le Terre dell'Eterno Inverno, probabilmente governate dagli Estranei sotto il comando del Re della Notte.

Essos

Separato da Westeros dal Mare Stretto, Essos, o Continente Orientale, si estende verso est per svariate miglia: è più vasto di Westeros, ma con una densità di popolazione inferiore. L'estremità occidentale è controllata dalle nove Città Libere, mentre l'area centro-meridionale è occupata dalle città-stato della Baia degli Schiavisti. La maggior parte dell'area centrale del continente è occupata dal Mare Dothraki, una distesa di erba dominata dal popolo nomade dei Dothraki, mentre a est si trovano Qarth e le mitiche terre affacciate sul Mare di Giada. Proseguendo verso est si incontrano Qarth e il mitico Mare di Giada, parzialmente racchiuso dal continente. La costa orientale di Essos è perlopiù inesplorata, trovandosi oltre la leggendaria Asshai e le ostili Terre delle Ombre.

Sothoryos

Sothoryos si trova a sud di Essos, sull'altro lato del Mare dell'Estate. Si tratta di un continente enorme, composto sia da deserti che da giungle. Si dice sia un paradiso per malattie e animali pericolosi e, con eccezione delle aree costali settentrionali, il suo territorio è largamente inesplorato. Appena a nord di Sothoryos si trovano le Isole del Basilisco.

Ulthos

Ulthos è un vasto territorio situato a sud-est di Essos, oltre lo Stretto del Croco e le Terre delle Ombre. Potrebbe essere un continente oppure essere semplicemente un'isola, le sue dimensioni sono sconosciute e costituisce il confine orientale del Mondo Conosciuto.

Mari ed oceani

  • Il Mare del Tramonto si trova ad ovest di Westeros. Nessuno lo ha mai attraversato riportando informazioni riguardo a masse di terra che potrebbero trovarsi al di là di esso.
  • Il Mare dell'Estate si trova a sud di Westeros ed Essos, dividendoli da Sothoryos. In questo mare si trovano le Isole dell'Estate. L'estensione dell'oceano a sud di suddette isole non è conosciuta.
  • Il Mare dei Brividi si trova a nord-est di Westeros e a nord di Essos, e separa i suddetti continenti dalla calotta polare del nord. Le due isole più grandi di questo mare sono Ibben e Skagos. Durante l'inverno questo mare diventa molto difficile da attraversare.
  • Il Mare Stretto separa Westeros da Essos e connette a sud il Mare dell'Estate con il Mare dei Brividi a nord. Nonostante sia il più piccolo dei mari, la distanza tra le coste dei continenti rimane comunque di centinaia di miglia, rendendo difficili le attività militari trai due continenti. Durante l'inverno la navigazione è difficoltosa a causa delle forti tempeste e dei venti che vengono dal Nord. Fanno parte di questo mare la Baia delle Acque Nere, il Mare di Dorne ed il Mare di Myrth.
  • Il Mare di Giada si trova nel remoto Est del Mondo Conosciuto, oltre il Mare Dothraki e Qarth. Gli Stretti di Qarth (detti anche Porte di Giada) connettono il Mare di Giada con il Mare dell'Estate, rendendo Qarth un centro significativo per il commercio tra Ovest ed Est. Yi Ti e Asshai si trovano sulle coste del Mare di Giada.

Isole

L'isola più grande del Mondo Conosciuto è Grande Moraq, situata tra il Mare dell'Estate e il Mare di Giada, a sud di Qarth. La seconda isola per estensione sembra essere Ib nel Mare dei Brividi, a nord del Regno dell'Ifeqevron, seguita da Jhala, la più grande dell'arcipelago delle Isole dell'Estate.

Altre terre

Lord Gylbert Farwynd di Luce Solitaria, l'isola considerata il punto più occidentale del mondo conosciuto, sostiene che vi siano delle terre a ovest, attraverso il Mare del Tramonto, terre senza morte e senza inverno. Questi racconti non vengono considerati molto attendibili.

Re Brandon Stark il Navigatore cercò di navigare oltre il Mare del Tramonto, ma non fece più ritorno.

Clima e stagioni

Una delle caratteristiche principali del Mondo Conosciuto è la durata lunga e non prevedibile delle stagioni, che spesso durano almeno due anni ciascuna. Le stagioni più lunghe di cui si abbia memoria storica sono durate una decade, ma si tratta di casi estremi che si verificano solitamente al massimo una volta in un secolo. In generale, la durata delle stagioni è casuale e non prevedibile, nonostante vi sia la credenza che ad una lunga estate segua un lungo inverno; questa, ad ogni modo, non è una regola, quanto piuttosto una tendenza. Al contempo, le stagioni possono essere anche molto corte: l'Anno della Falsa Primavera fu così detto a causa della primavera che durò solo due mesi. I Maestri della Cittadella controllano la durata delle giornate per provare a prevedere la durata delle stagioni, ma questa scienza rimane inesatta. Westeros si estende molto più a nord di Essos e di Sothoryos, perciò è colpito più duramente dagli inverni; gli altri due continenti si trovano invece presso le zone equatoriali, più calde.

Nonostante la durata delle stagioni, è possibile che in passato non fossero sempre state così lunghe: i personaggi pensano ad un anno come ad un lasso di tempo di dodici mesi, non al ciclo inverno-estate, ed i mesi durano circa trenta giorni, come quelli del mondo reale.

Si ritiene anche possibile che le stagioni possano non avere un'origine naturale, ma magica. Si penserebbe infatti che possano trarre origine dall'evento semi-mitologico della Lunga Notte, avvenuto circa ottomila anni prima delle vicende narrate. Durante questa Lunga Notte gli Estranei crearono un inverno che durò una generazione ed una notte che durò per anni per invadere Westeros. Gli Estranei sarebbero poi stati sconfitti nella Battaglia dell'Alba, nuovamente respinti nell'estremo nord ed il loro ritorno fu scongiurato dalla costruzione della Barriera, ma le stagioni originarie non sarebbero mai state recuperate. I Maestri della Cittadella sono molto scettici riguardo a questa storia, ritenendola superstizione, nonostante la presenza indiscutibile della Barriera.

L'imprevedibilità e la durata delle stagioni di Westeros ricordano in un certo senso le Piccole Ere Glaciali ed i Periodi Caldi del mondo reale, nonostante nella realtà non si spingessero fino a questo punto. Il "Periodo Caldo Medievale" fu un periodo che durò dal 950 al 1250 nel quale vi fu un innalzamento delle temperature nell'emisfero settentrionale; questo fu seguito dalla "Piccola Era Glaciale" che durò tanto quanto il periodo caldo, ma che portò discese delle temperature medie. La differenza maggiore rispetto a Westeros è che nel mondo reale queste "piccole ere glaciali" arrivano gradualmente, in un periodo di tempo di due o tre secoli; a Westeros, invece, si può passare nel giro di qualche mese dall'estate ad un inverno che durerà una decade. Ad ogni modo vi sono variazioni di temperatura, seppur contenute, nel corso di un normale anno a Westeros, all'interno di una stessa stagione. Essendo il Nord collocato a latitudini più elevate quest'effetto è accentuato ed infatti sono comuni le "nevi estive" durante le lunghe estati (queste si avrebbero, infatti, quando dovrebbe essere inverno per un normale calendario di dodici mesi). Queste "nevi estive" sono nominate da Maestro Pycelle nella puntata "Il Giuramento" della prima stagione.

Al momento dell'apertura della serie televisiva, il mondo si trova in un'estate che dura da nove anni, lunghezza inusuale anche per Westeros. Proprio a causa della lunghezza anomala di questa estate, i maestri della Cittadella temono che la seguirà un inverno altrettanto o addirittura più lungo. Secondo Tyrion Lannister Westeros ha attraversato nove inverni durante il corso della sua vita, l'ultimo dei quali finito circa nove anni prima dell'apertura della serie televisiva. L'inverno durante cui è nato Tyrion sarebbe il più lungo dei nove e sarebbe durato tre anni, perciò un normale ciclo inverno-estate negli ultimi trenta anni durava circa sei anni. L'autunno arriva l'anno seguente l'apertura della serie televisiva (Stagione 2), concludendo l'estate durata una decade.

Le persone di questo mondo riescono a sopravvivere agli inverni durati anni, essendosi adattati a questi avvenimenti secoli fa: i Lord durante l'estate e l'autunno mettono da parte scorte di cibo per affrontare l'inverno venturo. Alcuni castelli, come quello di Grande Inverno della Casata Stark, hanno anche delle serre che permettono di coltivare anche durante gli inverni più freddi. Nel Nord di Westeros, dove gli inverni sono molto freddi, molti importanti castelli sono costruiti in aree favorevoli: Grande Inverno sopra a sorgenti termali, Forte Terrore della Casata Bolton sopra a camini vulcanici. Nonostante tali precauzioni, durante l'inverno nel Nord sono comuni carestie e fame, specialmente se l'inverno è molto lungo e freddo. Questa è una tra le varie ragioni per la quale il Nord ha una popolazione così contenuta.

Altra caratteristica del mondo di Westeros è che, essendoci masse d'acqua così estese ed estati così calde e lunghe, nel Mare dell'Estate, durante gli anni estivi, si generano giganteschi uragani. Queste tempeste gigantesche si muovono vesto nord e, di solito, si abbattono sulle Terre della Tempesta (chiamate in questo modo proprio a causa delle tempeste). Se i venti e le piogge possono essere pericolosi, l'acqua portata dalle tempeste ha creato nella parte meridionale delle Terre della Tempesta una lussureggiante foresta pluviale. Per raggiungere le Terre della Tempesta, le tempeste attraversano le Stepstones, le isole che congiungono Essos e Westeros sul limite meridionale del Mare Stretto, per poi curvare verso ovest ed arrivare nelle Terre della Tempesta. Le tempeste non curvano mai abbastanza ad ovest da poter portare acqua su Dorne, che rimane un deserto arido. Raramente può capitare che queste tempeste si spingano anche più a nord, raggiungendo la Baia delle Acque Nere e le isole, come Roccia del Drago. La stessa Daenerys Targaryen è detta "nata dalla tempesta" in quanto nata a Roccia del Drago durante una delle suddette tempeste.

Leggi anche

  • Mappamondo (HBO Il trono di spade)
  • The Lands of Ice and Fire
Advertisement