FANDOM


Meereen è antica e gloriosa. Cercate di non rovinarla.
-- Daario Naharis
 

Meereen è la più settentrionale e la più grande delle tre grandi città-stato della Baia degli Schiavisti, a nord di Yunkai e Astapor. Si trova alla foce del fiume Skahazadhan, che scorre dalle sue sorgenti a Lhazar attraverso le montagne che separano Meereen e il resto della Baia degli Schiavisti dalla Desolazione Rossa. Il Mare Dothraki si trova a nord, oltre il fiume. I residenti più ricchi vivono nelle piramidi. 

Gli abitanti di Meereen si chiamano "Meereenesi".

Storia

Passato

Come le altre principali città della Baia degli Schiavisti, Meereen è stata fondata come una colonia del vecchio impero Ghiscari, che fu successivamente conquistata dalla Libera Fortezza di Valyria quando distrusse l'impero Ghiscari 5.000 anni fa. Proprio come le città libere a ovest, dopo il Disastro di Valyria (quattrocento anni prima della Guerra dei Cinque Re), le città schiaviste locali riaffermarono la propria indipendenza.

Meereen è di gran lunga la più grande delle città stato ora indipendenti, più grande di Astapor o Yunkai. Nel momento in cui Daenerys Targaryen arriva in città, ci sono circa tre schiavi in ​​città per ogni uomo libero.

Quarta stagione

Vedi in dettaglio: Presa di Meereen
Dopo la liberazione della popolazione di schiavi di Yunkai, Daenerys Targaryen e il suo esercito di Immacolati marciano verso Meereen. Come avvertimento, i Grandi Padroni crocifiggono 163 bambini schiavi lungo la strada verso la città. Tuttavia, la Madre dei Draghi marcia e arriva alle porte della città, quindi i Grandi Padroni inviano un campione per sfidare il suo miglior combattente in un singolo combattimento. Daario Naharis si offre volontario e uccide rapidamente il campione meereenese. A quel punto Daenerys fa lanciare con le catapulte sulla città i collari di tutti gli schiavi che per ora ha liberato ad Astapor e Yunkai, come messaggio agli schiavi. 

Meereen vessillo Targaryen

Lo stendardo di Casa Targaryen trionfante sulla Grande Piramide.

Durante la notte, il comandante degli Immacolati Verme Grigio si intrufola a Meereen attraverso le fogne, travestito da schiavo, per armare gli schiavi e incitarli a ribellarsi contro i loro Padroni. Nella rivolta successiva molti Padroni vengono assaliti per le strade e gli schiavi vittoriosi aprono le porte di Daenerys . Il suo primo atto è la punizione per aver crocefisso i bambini schiavi morti: 163 Grandi Padroni vengono crocifissi lungo le strade di Meereen, mentre Daenerys prende residenza nella Grande Piramide.

Sebbene i Secondi Figli abbiano preso possesso della flotta meereenese, Daenerys apprende che il governo da lei instaurato ad Astapor è stato rovesciato da un autoproclamato Imperatore chiamato Cleon e che i Saggi Maestri di Yunkai sono tornati al potere. Pertanto, invece di navigare verso Approdo del Re con la sua flotta appena acquisita e prendere il Trono di Spade con il suo esercito, Daenerys decide di rimanere a Meereen per governare sulla Baia degli Schiavisti e imporre l'abolizione della schiavitù. Per raggiungere questo obiettivo, invia Hizdahr zo Loraq, un grande padrone che le ha giurato fedeltà, a Yunkai per negoziare con i saggi maestri: se non accetteranno le sue richieste di abbandono della schiavitù una volta per tutte, Daario invierà nei suoi Secondi Figli a giustiziarli tutti.

La presa di Daenerys su Meereen è indebolita dopo tre grandi perdite successive per la sua causa. In primo luogo, dopo aver scoperto che la sua guardia del corpo e consigliere più fidato Jorah Mormont ha lavorato come ex spia per Re Robert Baratheon, Daenerys è costretta a esiliarlo. In secondo luogo, dopo aver dimostrato che la sua abolizione della schiavitù ha lasciato molti ex servitori in una posizione ancora più precaria, accetta a malincuore la creazione di contratti di un anno, reintroducendo efficacemente la schiavitù in tutto tranne che nel nome e restituendo un po' di potere ai Grandi Padroni. Infine, quando il suo drago Drogon uccide l'intero gregge di un capraio locale e poi scompare, Daenerys decide di rinchiudere i rimanenti due draghi nelle catacombe della Grande Piramide.

Quinta stagione

A Meereen sorge un movimento di resistenza contro il dominio di Daenerys chiamato Figli dell'Arpia che inizia ad assassinare molti Immacolati con l'aiuto di alcuni popolani della città. Sebbene i Saggi Padroni di Yunkai si siano arresi a Daenerys, ora stanno richiedendo la riapertura delle fosse di combattimento, ma Daenerys rifiuta. 

Tuttavia, quando in un attentato dei Figli dell'Arpia viene ucciso Ser Barristan Selmy e anche Verme Grigio rischia di rimetterci la vita, Daenerys decide di sposare Hizdahr e di riaprire le fosse di combattimento per uomini liberi, concludendo che potrebbe essere meglio forgiare un alleanza con i Grandi Padroni piuttosto che continuare a negare le loro secolari tradizioni. Durante la cerimonia di apertura dei giochi di combattimento, tra i combattenti c'è Jorah Mormont, che le ha portato Tyrion Lannister come dono sperando di riottenere così il suo perdono.

Daenerys convoca sia Jorah che Tyrion nella sua sala del trono. Mentre Daenerys rifiuta di perdonare Jorah per aver lavorato per Robert Baratheon e lo bandisce di nuovo dalla sua presenza, decide di accettare Tyrion come proprio consigliere a causa della sua conoscenza di Westeros e della sua opposizione condivisa con i Lannister. Non volendo rinunciare a Daenerys, Jorah ritorna da Yezzan zo Qaggaz e si offre di combattere per lui. Si offre di permettere a Yezzan di venderlo sul mercato nero per un grande profitto in cambio della vittoria della squadra di Yezzan al prossimo torneo per la regina. 

Meereen Daznak's Pit 5x09

La fossa da combattimento di Meereen.

Daenerys e i suoi consiglieri Tyrion, Missandei e Daario Naharis partecipano al torneo alla Fossa di Daznak. Il torneo si apre con una mischia tra sei combattenti tra cui Jorah, che le dà la tradizionale dedica. Divisa tra il suo ruolo di politico e la sua vecchia amicizia per Jorah, Daenerys dà con riluttanza l'inizio dei giochi. A seguito di sanguinoso combattimento, Jorah riesce a sconfiggere gli altri concorrenti. Successivamente Jorah salva la vita a Daenerys da uno dei Figli dell'Arpia che stava per assassinarla.

A quel punto, molti Figli dell'Arpia indossano le loro maschere e iniziano ad attaccare gli altri spettatori in tutta l'arena. Daenerys accetta così l'aiuto di Jorah, che cerca di portarla in salvo al di fuori dell'arena. Alla fine, i Figli dell'Arpia circondano il gruppo di Daenerys e li spingono al centro dell'arena. Prima che i Figli dell'Arpia possano finire Daenerys e i suoi sostenitori, sopraggiunge Drogon che arriva nell'arena e uccide molti Figli dell'Arpia bruciandoli vivi. I Figli dell'Arpia cercano di uccidere la bestia colpendola con delle lance. Per salvare Drogon e se stessa, Daenerys sale sul dorso del suo drago e i due volano via dalla fossa.

Dopo la scomparsa di Daenerys, l'entourage di Jorah e Tyrion si incontrano nella sua sala del trono per discutere su cosa fare dopo. Dopo una discussione tesa, si concorda che Jorah e Daario partiranno a cavallo per salvare Daenerys. Nel frattempo, Tyrion amministrerà il governo di Meereen in assenza di Daenerys con l'aiuto di Missandei e Verme Grigio. Poco dopo, Tyrion viene accolto dal suo amico Varys, che offre il suo aiuto e i servizi dei suoi uccellini a Tyrion.

Sesta stagione

Dopo la sua fuga, Daenerys non ha fatto più ritorno e la sua assenza ha portato a un crollo e indebolimento del governo e della stabilità di Meereen. Mentre camminano per le strade di Meereen, Varys e Tyrion parlano degli sforzi in corso per eliminare i Figli dell'Arpia e il loro leader. Varys afferma che le sue spie sono in tutta la città e che presto gli porteranno informazioni preziose sul gruppo terroristico. Poco dopo, Varys e Tyrion assistono a una folla in fuga dal porto e apprendono che la flotta di Meereen è stata incendiata.

Più tardi, Missandei e Verme Grigio informano Tyrion e Varys che i due draghi rimasti di Daenerys, Rhaegal e Viserion, non mangiano dalla scomparsa della madre. Tyrion decide di liberare i due draghi dalle loro catene, pur lasciandoli nelle catacombe.

Alla Grande Piramide , Varys sigla un accordo con la prostituta Vala, che è in combutta con i Figli dell'Arpia. In cambio dell'invio di Vala e suo figlio a Pentos, la prostituta rivela che Astapor, Yunkai e la città libera di Volantis stanno segretamente sostenendo i Figli dell'Arpia. Tyrion propone quindi di utilizzare la sua rete di uccellini per aprire i contatti con i leader di queste città di commercio di schiavi. Gli emissari di Astapor, Yunkai e Pentos si incontrano a Meereen con Tyrion. Le due parti concordano di eliminare gradualmente la schiavitù in un periodo di sette anni e di risarcire i proprietari di schiavi. La diplomazia di Tyrion genera critiche da parte degli ex schiavi di Meereen. 

Per convincere i meereenesi che tutto è stato fatto con la benedizione di Daenerys, Tyrion invita Kinvara, l'Alta Sacerdotessa del Tempio Rosso di Volantis, a negoziare con loro per diffondere alla popolazione il lavoro dei successi di Daenerys. Kinvara accetta di sostenere il piano di Tyrion poiché crede che Daenerys sia il principe che fu promesso. Tuttavia, Varys è più scettico a causa della sua sfiducia nei confronti dei praticanti magici. Come concordato, le Sacerdotesse Rosse iniziano a predicare nelle strade di Meereen che Daenerys era stata inviata da R'hllor per porre fine alla schiavitù. Varys parte da Meereen per una missione speciale non specificata. Nonostante il trattato di pace di Tyrion, Astapor, Yunkai e Volantis inviano una flotta per attaccare Meereen e reclamare le loro proprietà. Al calar della notte, gli attacchi di catapulte incendiarie della flotta hanno causato danni a gran parte della città. Poco dopo, Daenerys ritorna in sella al suo drago Drogon.

Assedio di Meereen S6

L'assedio di Meereen.

Il bombardamento navale di Meereen provoca gravi danni alla città. Molti civili vengono schiacciati o bruciati vivi dalle palle infuocate lanciate dalle catapulte della flotta. I Figli dell'Arpia iniziano anche a uccidere schiavi e altri civili che si riversano nelle strade. Al mattino, Daenerys e il suo gruppo si incontrano con Razdal mo Eraz , Belicho Paenymion e Yezzan zo Qaggaz, i rappresentanti di Yunkai, Volantis e Astapor con cui Tyrion aveva precedentemente negoziato un patto. In cambio della concessione del passaggio sicuro di Daenerys e Tyrion, i padroni degli schiavi chiedono il ritorno di Missandei, degli Immacolati e l'uccisione dei draghi di Daenerys.

Tuttavia, Daenerys rifiuta le loro richieste e usa i suoi tre draghi per bruciare la flotta degli schiavisti. Tyrion quindi ordina a Verme Grigio di eseguire Razdal e Belicho, dopo aver tentato di salvare le proprie pelli offrendo a Yezzan di essere ucciso. Tyrion quindi dice a Yezzan di riportare le notizie del potere di Daenerys nelle città schiaviste. Nel frattempo, i guerrieri Dothraki sotto la guida di Daario travolgono e uccidono i Figli dell'Arpia appena fuori dalle porte della città. A seguito della sconfitta della flotta degli schiavisti, Yara e Theon Greyjoy arrivano con un centinaio di navi degli Uomini di Ferro. Incontrando Daenerys e Tyrion, gli offrono la loro alleanza e la loro flotta se li avrebbe aiutati a sconfiggere lo zio Euron Greyjoy e riconosce l'indipendenza delle Isole di Ferro. Daenerys accetta la loro offerta a condizione che gli Uomini di Ferro mettano fine alla loro pratica di razziare e saccheggiare le coste del continente.

Prima di partire per Westeros, Daenerys lascia Daario e i Secondi Figli a capo di Meereen per mantenere la pace fino a quando la città potrà stabilire i propri governanti. Per volere di Daenerys, la Baia degli Schiavisti viene ribattezzata Baia dei Draghi. Con Tyrion nominato suo Primo Cavaliere, Daenerys parte con i suoi tre draghi e una flotta combinata di Immacolati, Dothraki e Uomini di Ferro per conquistare Westeros.

Dietro le quinte

  • Gli esterni di Meereen sono stati girati nella Fortezza di Clissa, a 5 km a nonr-est di Spalato, in Croazia. Dalla Sesta Stagione alcuni esterni sono stati invece girati nel comune di Peñíscola, nella comunità autonoma Valenciana, in Spagna.
  • I passaggi sotterranei della città sono invece stati girati nel Palazzo di Diocleziano, a Spalato.
  • Alcune riprese in zone all'esterno di Meereen sono state girate nelle località di Mesa Roldán e Sorbas, nel comune di Almería, in Andalusia, Spagna.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.