FANDOM


Meera Reed è l'unica figlia di Howland Reed e sorella maggiore di Jojen Reed. Sia lei che suo fratello credono che Bran Stark sia cruciale nella guerra contro gli Estranei.

Biografia

Passato

Meera è la figlia maggiore e unica figlia di Lord Howland Reed di Torre di Acqua Grigia. Ha un fratello minore: Jojen.

Terza stagione

Bran incontra Jojen e Meera Reed

Bran Stark incontra Jojen e Meera Reed.

Mentre Bran e Rickon StarkOshaHodorEstate e Cagnaccio stanno scappando verso il Castello Nero in seguito al sacco di Grande Inverno, Jojen si avvicina a Bran ma Osha arriva dietro di lui e gli punta una lancia al collo. Nonostante questo, Osha viene a sua volta minacciata da Meera, che le punta un coltello alla gola, intimandole di far cadere l'arma. Jojen dice a Bran di averlo cercato a lungo in modo da poter offrire la propria protezione e il proprio aiuto. Jojen dimostra infatti di essere a conoscenza delle visioni che Bran ha sempre più frequentemente dopo essere caduto dalla torre e aver perso l'uso delle gambe, in particolare quelle legate al misterioso Corvo con Tre Occhi. Jojen e Meera si uniscono perciò al gruppo di Bran.

Meera vs Osha

Meera Reed discute con Osha.

Per tutto il viaggio verso nord, Osha e Meera continuano a non andare d'accordo litigando per le cose più semplici come chi di loro due sia più brava a scuoiare un coniglio o a cacciare. I loro litigi vengono spesso taciuti da Bran. Meera si prende cura anche di suo fratello mentre ha i sintomi e le convulsioni legate alle sue visioni.

Proseguendo verso nord, Osha rimane diffidente nei confronti dei fratelli Reed, non credendo a Jojen sul fatto che le sue conversazioni di magia siano utili. Osha si oppone fortemente all'idea di Jojen e Meera di dirigersi con Bran oltre la Barriera per trovare il misterioso Corvo con Tre Occhi. La paura di Osha per le terre da cui proviene è dovuta alle orribili cose che vi ha visto: racconta che lei perse suo marito che poi ritornò dalla morte e cercò di ucciderla. Dice che nessuno di loro capisca cosa c'è oltre la Barriera e che non vi sia più nulla per gli uomini lì.

Mentre marciano nel Dono, il gruppo cerca rifugio da un temporale in un mulino a vento abbandonato. Qui ad un certo punto vedono all'esterno della torre un gruppo di bruti e temono che le urla di Hodor, spaventato dai tuoni e fulmini del temporale, possano rivelare ai bruti il loro nascondiglio. Bran, tuttavia, usa i suoi poteri da metamorfo per entrare nella mente di Hodor e farlo cadere in uno stato di incoscienza. Bran decide inoltre che Osha, Rickon e Cagnaccio si separino da loro in quanto il viaggio potrebbe rivelarsi troppo pericoloso. Prima di andarsene, Osha fa promettere a Meera e Jojen di tenere al sicuro Bran.

Sam con Bran e co

Bran, Meera e gli altri si dividono da Samwell Tarly e Gilly.

Il gruppo arriva al Forte della Notte, un castello dei Guardiani della Notte ora abbandonato, e decidono di passarvi la notte. Bran racconta agli altri una storia spaventosa che aveva sentito dalla Vecchia Nan su Forte Terrore riguardante la leggenda del cuoco ratto. Poco dopo Meera, Bran e gli altri incontrano Samwell Tarly con Gilly e il suo bambino. Sam riconosce Bran e dice di conoscere il suo fratellastro Jon Snow e lui e Gilly cercano perciò di dissuaderli dal recarsi oltre la Barriera, dicendogli invece di venire con loro al Castello Nero. Bran, pur dicendo che gli piacerebbe unirsi a lor, dice che deve andare oltre la Barriera. Sam mostra perciò a Meera, Bran, Jojen, Hodor e Estate il tunnel segreto che conduce dall'altra parte della Barriera e prima di dividersi fornisce al gruppo alcune lame in vetro di drago (anche noto come ossidiana), unico materiale in grado di uccidere gli Estranei.

Quarta stagione

Jojen e Meera mettono in guardia Bran dei pericoli che corre nel rimanere nelle menti degli altri per troppo tempo. Una notte, accampatisi in un punto della Foresta Stregata, Meera e i suoi compagni sentono le grida di un neonato (l'ultimo figlio di Craster lasciato fuori da Rast). Bran entra nella mente di Estate per indagare, ma nota Spettro in una gabbia e anche Estate cade in una trappola. Scoprono di essersi accampati presso il Castello di Craster, ora occupato dagli ammutinati dei Guardiani della Notte. Meera dice che è meglio andarsene, ma Bran vuole prima liberare i metalupi dalle trappole. Il gruppo viene però sorpreso e portato davanti al capo degli ammutinati, Karl Tanner, il quale minaccia di violentare Meera.

Bran Jojen Meera & Hodor S4E5

Bran, Meera, Jojen e Hodor fuggono dal Castello di Craster.

Vengono interrotti dall'arrivo dei ranger dei Guardiani della Notte guidati da Jon Snow, arrivati al Castello di Cratser per uccidere gli ammutinati. Durante la battaglia che ne segue, Locke trova i quattro e ha intenzione di portare via Bran, con l'intenzione di ucciderlo. Il ragazzo entra però nella mente di Hodor e uccide Lock spezzandogli il collo. Mentre infuria la battaglia tra i Guardiani della Notte e gli ammutinati, Bran, Jojen, Meera e Hodor scappano senza avvisare Jon, perché Jojen sostiene che cercherebbe di fermarli e riportarli al Castello Nero.

Meera Jojen morente

Meera con il fratello Jojen morente.

Il gruppo di Bran raggiunge infine l'Albero del Cuore visto da Bran in sogno, ma vengono attaccati dai non-morti. Jojen viene preso da una delle creature, ma viene salvato da Meera prima che venga trascinato via. Mentre Meera è distratta, un non-morto pugnala ripetutamente Jojen al ventre. Dalla grotta escono i Figli della Foresta, che giungono in soccorso del gruppo. uno di loro, Foglia, dice a Meera che non c'è più nulla da fare per Jojen, il quale dice alla sorella di lasciarlo morire e mettersi in salvo. Prima di andarsene, Meera taglia la gola al fratello per procurargli una morte veloce. Nella caverna, Meera, Bran e Hodor incontrano il Corvo con Tre Occhi.

Sesta stagione

Meera rimane nella grotta del Corvo con Tre Occhi con quest'ultimo, Bran, Hodor e Estate e gli altri Figli della Foresta. Foglia dice a Meera che dovrà proteggere Bran a tutti i costi per la guerra che verrà. Una notte, mentre tutti dormono, Bran ha una visione in cui entra in contatto con il Re della Notte, al cui tocca si sveglia allarmato, svegliando anche Meera e gli altri. Il Corvo con Tre Occhi dice che ora il Re della Notte può localizzarli.

Meera e i bambini

Meera e i Figli della Foresta vedono l'arrivo del Re della Notte.

Il Corvo con Tre Occhi da a Bran in un'altra visione del passato di Grande Inverno, in un disperato tentativo di infondergli più conoscenze possibili, prima dell’imminente disastro. Mentre ciò accade, gli Estranei e i non-morti raggiungono la grotta. I Figli della Foresta e Meera cercano di trattenerli uccidendo molti non morti, ma le creature riescono comunque a penetrare nella grotta. Meera Reed uccide un Estraneo con una lancia con la punta in vetro di drago datale da Samwell Tarly. Gli Estranei e non-morti irrompono però ugualmente nella grotta e uccidono i Figli della Foresta ed Estate, che si sacrifica per permettere ai suoi amici di scappare. Il Re della Notte in persona uccide il Corvo con Tre Occhi mentre è ancora nella visione, lasciando così Bran da solo nel passato. Bran, ancora intrappolato nella visione, entra nel corpo di Hodor per difendere se stesso e Meera, ma anche Wylis, il giovane Hodor della visione di Bran, viene colpito dall'incantesimo e viene colto da gravi convulsioni, esclamando ripetutamente le parole di Meera "trova un modo" (nell'originale inglese "hold the door", "trattieni la porta") storpiandole progressivamente, fino a trasformarle in "hodor", parola che ripeterà per tutta la vita. Nel presente, Hodor, ancora posseduto da Bran, viene sopraffatto e ucciso dai non-morti.

Meera Bran Benjen

Meera e Bran Stark con Benjen Stark.

Meera Reed trascina da sola Bran, che è ancora immerso in una continua visione di eventi passati, cercando di sfuggire ai non-morti. I due vengono però raggiunti dalle creature, ma vengono salvati da un cavaliere incappucciato, che uccide alcuni non-morti e fa salire Bran e Meera sul suo cavallo, portandoli via. La misteriosa figura, una volta che hanno trovato un posto sicuro dove accendere un fuoco, si rivela essere Benjen Stark, lo zio di Bran, che in precedenza era stato ritenuto morto. Afferma di essere stato attaccato dagli Estranei mentre stava partecipando a una escursione, per poi essere stato resuscitato dai Figli della Foresta. Benjen Stark accompagna Bran e Meera presso la Barriera, dove qui intende lasciarli. Quando Meera gli chiede di venire con loro, Benjen dice che la magia dei Figli della Foresta usata per riportarlo in vita gli impedisce di oltrepassare la Barriera. Qui Bran ha un’altra visione del padre a Torre della Gioia e scopre che Jon Snow è in realtà il figlio di Lyanna Stark e Rhaegar Targaryen, nato a Torre della Gioia e affidato dalla madre morente a Eddard Stark, affinché sfuggisse all'odio di Robert Baratheon.

Settima stagione

Dopo essere arrivati ​​alla Barriera, Meera e Bran vengono accolti dal Lord Comandante dei Guardiani della Notte Eddison Tollett, il quale, dopo aver saputo le loro identità, li lascia passare.

Meera e Bran arrivano a Grande Inverno dove Bran si ricongiunge con sua sorella Sansa Stark. Più tardi, Meera arriva nella camera di Bran, spiegando che deve tornare a Torre delle Acque Grigie, per stare con la sua famiglia quando gli Estranei arriveranno. Quando tutto ciò che Bran ha da dire è "grazie", quasi in maniera fredda e distaccata, Meera dice con rabbia che Bran è vivo solo a causa dei sacrifici fatti da suo fratello, Estate e Hodor. Tuttavia, quando Bran dice che non è più "Bran Stark", e ora è solo il Corvo con Tre Occhi. Meera, con le lacrime agli occhi, capisce che Bran è morto nella grotta del Crovo con Tre Occhi. Quindi lascia Grande Inverno e torna a casa sua.

Dietro le quinte

  • Meera Reed è stata interpretata da Ellie Kendrick. La sua entrata nel cast della serie è stata annunciata per la prima volta al Comic-Con International di San Diego nel 2012. 
  • Sebbene Kendrick interpreti la sorella maggiore del personaggio di Thomas Brodie-Sangster, è nata due settimane dopo di lui.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.