Il Trono di Spade Wiki
Advertisement
Il Trono di Spade Wiki

Le nove città libere.

Le Città libere (Free Cities) sono nove potenti e indipendenti città-stato situate sulla costa occidentale di Essos sul Mare Stretto. Sono impegnate in intensi traffici commerciali con i Sette Regni di Westeros. Ognuna delle nove città libere ha la sua storia unica e la sua cultura distintiva.

Storia

Le città libere sono state fondate secoli fa come colonie della Libera Fortezza di Valyria, l'impero allora dominante ad Essos. Quando l'impero di Valyria cadde in seguito al Disastro di Valyria, esso si frammentò in un periodo caotico noto come Secolo di Sangue. Quando la situazione si tranquillizzò, le nove città furono lasciate indipendenti.

Braavos è l'unica grande eccezione tra di loro: non fu fondata come una colonia dai Valyriani, ma come rifugio dagli schiavi fuggiti da Valyria. Volantis è la più antica e popolosa delle Città libere e per un certo periodo nel Secolo del Sangue tentò di conquistare e riunificare le altre, ma alla fine esse formarono alleanze contro di essa e Volantis fu sottomessa venendo con il tempo oscurata dal crescente potere di Braavos.

Braavos è ora considerato più o meno il più potente delle Città libere con un efficiente controllo del commercio marittimo e di grandi flotte, in contrasto con il modo in cui Volantis possiede gli eserciti terrestri più grandi e forti. Soprattutto, Braavos è la sede della Banca di Ferro Braavos, che è diventata la più grande istituzione finanziaria sia di Essos che di Westeros, più grande delle banche delle altre otto Città libere messe insieme.

Le città libere sono città-stato indipendenti e hanno una cultura molto più urbanizzata e mercantile di quella di Westeros. Ogni città controlla vaste aree del territorio limitrofo (spesso, non molto più piccolo di uno dei Sette Regni). La schiavitù è anche comunemente praticata in tutte le città libere - ad eccezione di Braavos , che è stata fondata proprio da schiavi fuggiti.

Per secoli, è stato comune per gli esuli dai lati perdenti delle guerre in Westeros di fuggire attraverso il Mare Stretto verso le Città libere per cercare rifugio e fortuna.

Le città libere

  • Braavos: la più potente e la più a nord delle città libere, governata dal Sealord. La città è disseminata in numerose isole in una laguna protetta, collegata da ponti e una vasta rete di canali. Ospita l'influente Banca di Ferro di Braavos e la misteriosa setta di assassini noti come uomini senza volto. La città è nota per i suoi formidabili spadaccini, la costruzione navale, la tolleranza religiosa e l'odio per la schiavitù.
  • Lorath : considerata la città libera meno conosciuta e meno potente, situata su un'isola a sud-est di Braavos, nel Mare dei Brividi.
  • Lys : situata su un'isola nel Mare dell'Estate vicino alle pietre delpiede e protetto da una formidabile marina. Lys è una città di vizio, famosa per le sue case di piacere in cui ci sono le prostitute più ricercate nel mondo conosciuto. Le sue persone tendono ad avere la pelle chiara, i capelli biondi e gli occhi azzurri.
  • Myr : un porto marittimo su un braccio del Mare Stretto conosciuto come il Mare di Myrth. Nota per i suoi abili artigiani e i loro prodotti, in particolare lenti ottiche e pizzi fini. Lys e Myr sono stati aspri rivali per secoli, combattendo perpetuamente tra loro per il dominio sulle Terre Contese. I suoi abitanti tendono ad essere scure e dai capelli scuri.
  • Norvos : una grande città dell'entroterra, situata sul fiume Noyne a nord-est di Pentos. Si trova nel paese collinare nel nord di Essos, noto come le colline di Norvos. I sacerdoti barbuti di Norvos dominano la città come una teocrazia. Norvos è rinomato per le sue asce.
  • Pentos : un porto marittimo importante, vulnerabile alle incursioni di Dothraki dall'interno continentale. Tra le altre cose, è spesso nota per il suo commercio di formaggi. Nominalmente governata dal Principe di Pentos, il vero potere è detenuto da un consiglio di potenti commercianti.
  • Qohor : una grande città dell'entroterra, situata nell'immensa foresta di Qohor, vicino al bordo del mare Dothraki, a est di Norvos sul fiume Qhoyne. Nota per i suoi fabbri immensamente abili, che possono anche riforgiare l'acciaio di Valyria. Qohor mantiene una guarnigione di guerrieri-eunuchi immacolati che acquista dalla baia degli schiavisti per difendersi contro i Dothraki.
  • Tyrosh : un importante porto marittimo e città mercantile. I Tyroshi sono noti per i vestiti stravaganti, l'armatura appariscente e i ricchi profumi. Tyrosh si trova su un'isola vicino alle Stepstones ed è quindi la Città libera più vicina a Westeros. Grazie alla sua posizione tra Stepstones, Disputed Lands e Westeros, è spesso visto come un importante centro per l'assunzione dei servizi di varie società di mercenari professionisti, per servire nei vari conflitti di queste diverse regioni.
  • Volantis: la più a sud-est delle Città libere e la più grande, più popolosa e corrotta, governata dai Triarchi di Volantis. Nota per i suoi immensi mercati di schiavi, per il vino e per le sue tradizioni legate a Valyria. Volantis era in origine la più potente delle città libere, ma la sua forza è stata indebolita nel Secolo del Sangue, cedendo il primato a Braavos. Volantis è costruita sulla foce principale dell'immenso fiume Rhoyne, con numerosi affluenti del Rhoyne che formano una barriera difensiva a est che protegge la città dai Dothraki. Le principali rotte commerciali da Westeros e il resto delle città libere verso terre più orientali - come la Baia degli Schiavisti, il Mare di Giada, Qarth e Asshai - passano tutte da Volantis.
Advertisement