FANDOM


Ser Barristan Selmy, soprannominato Barristan il Valoroso (Barristan the Bold), era un celebre cavaliere che ha servito nella Guardia Reale ed era considerato uno dei cavalieri più onorabili e formidabili dei Sette Regni.

Servì come Guardia Reale di Re Aerys II Targaryen, detto "il Re Folle", combattendo per lui durante la Ribellione di Robert, ma dopo essere stato ferito nella Battaglia del Tridente, fu graziato e perdonato dal nuovo Re Robert Baratheon per il suo valore, mantenendo la sua posizione e venendo persino nominato Lord Comandante della Guardia Reale. Alla morte di Re Robert, Ser Barristan venne sollevato dall'incarico dal giovane Re Joffrey Baratheon e prese le imposte dimissioni come un insulto che lo indussero a recarsi ad Essos per servire la giovane Daenerys Targaryen, prestando fedeltà ancora una volta a Casa Targaryen. Qui segue Daenerys nella sua guerra di liberazione della Baia degli Schiavisti dandole dei validi consigli e servendola valorosamente. Muore combattendo in un vile attentato dei Figli dell'Arpia, un gruppo di insorti contro il governo di Daenerys a Meereen.

Biografia

Passato

Barristan è il primogenito di Ser Lyonel Selmy. Durante la sua giovinezza è lo scudiero di Lord Manfred Swann. All'età di dieci anni, Barristan indossa l’armatura di un cavaliere misterioso e partecipa al torneo di Blackhaven. Il Principe Duncan, impietosito dal cavaliere misterioso, è l’unico a giostrare con lui mentre gli altri cavalieri lo deridono. È lo stesso Duncan a conferirgli l'appellativo di “Il valoroso”.

Riceve il cavalierato all'età di sedici anni da Re Aegon V. Oltre ad essere un ottimo cavaliere da torneo, dimostra il suo talento anche sul campo di battaglia uccidendo Maelys il Mostruoso durante la Guerra dei Re da Nove Soldi, deciso ad abbattere fino all'ultimo pretendente Blackfyre. Segna così, la fine della linea dinastica maschile della Casa Blackfyre.

Entra nella Guardia Reale all'età di ventitré anni  durante il regno di Jaehaerys II. Unendosi alla Guardia Reale, rinuncia all’eredità della sua famiglia.

Durante la Ribellione di Duskendale, il Primo Cavaliere del Re Tywin Lannister manda Selmy a liberare Aerys II tenuto prigioniero. Dopo aver liberato il Re, Selmy, nonostante una ferita al petto, uccide Ser Symon Hollard, vendicando così l’uccisione di Gwayne Gaunt (suo confratello nella Guardia Reale)

Durante la Ribellione di Robert, dopo la sconfitta di Lord Jon Connington durante la Battaglia delle Campane, Ser Barristan e Jonothor Darry vengono mandati a radunare il resto dell’esercito di Connington. Qui, Selmy, viene ferito gravemente durante la Battaglia del Tridente.

Sebbene combatta per i Targaryen durante la ribellione che li vede sconfitti, Barrisan ottiene il perdono reale diventando il Lord Comandante della Guardia Reale di Re Robert Baratheon. Avendo delle riserve sullo Sterminatore di Re anche prima che questo si guadagni l’epiteto, Ser Barristan sostiene che Jaime Lannister non debba continuare a compiere i suoi servigi all'interno della Guardia RealeTyrion Lannister ricorda che Selmy, dopo che Jaime ebbe ucciso re Aerys, voleva che lo Sterminatore di Re avrebbe dovuto scambiare il suo mantello bianco con uno nero, concordando con Ned Stark che riteneva che avesse dovuto prendere il nero ed essere esiliato sulla Barriera.

Durante la Ribellione dei Greyjoy, Ser Barristan conduce l'assedio di Vecchia Wyk. Il cavaliere, rimasto un combattente valoroso anche con l’avanzare dell’età, diventa il campione al torneo di Approdo del Re a 57 anni, disarcionando Sandor Clegane nella giostra in onore del Dodicesimo Giorno del Nome del Principe Joffrey Baratheon solo un anno prima dello scoppio della Guerra dei Cinque Re.

Prima stagione

Robert Baratheon a caccia

Barristan Selmy accompagna Re Robert a caccia.

Ser Barristan Selmy, ancora al servizio di Re Robert Baratheon, assiste al torneo indetto per la nomina di Lord Eddard Stark a Primo Cavaliere del Re. Barristan veglia un'intera notte sul corpo di Ser Hugh della Valle, ucciso durante il torneo da Ser Gregor Clegane, in quanto il giovane cavaliere non aveva alcun parente nella capitale. Barristan accompagna Re Robert, il suo scudiero Lancel Lannister e Renly Baratheon nella battuta di caccia nel Bosco del Re dove Re Robert, inebriato dal troppo vino, manca il colpo e viene attaccato e gravemente ferito da un cinghiale. Quando Robert, riportato alla Fortezza Rossa, giace morente nel suo letto, Barristan è scoraggiato per aver deluso un altro re non essendo riuscito a proteggerlo, ma Lord Eddard lo consola dicendo che nessuno poteva salvare Robert da sé stesso.

Ser Barrista Selmy è presente quando Lord Eddard Stark arriva nella sala del trono per reclamare la sua reggenza. Lord Stark consegna a Barristan le ultime volontà di Re Robert in cui il defunto re decreta che Eddard sia nominato Lord Reggente e Protettore del Reame fino a quando il legittimo erede non abbia raggiunto l'età. Quando la Regina madre Cersei Lannister chiede di vedere la lettera, Barristan gliela consegna ma la donna la strappa, dichiarando Lord Eddard un traditore. Lord Eddard viene quindi tradito ed arrestato con l'accusa di tradimento.

Barristan adirato

Ser Barristan dopo essere stato dimesso dalla Guardia Reale.

Dopo la morte di Robert Baratheon, il nuovo Re Joffrey Baratheon lo espelle dalla Guardia Reale dicendogli esplicitamente che "è troppo vecchio per difendere chiunque". Ser Barristan, offeso nell'onore, si adira ancora di più quando Cersei gli comunica che Jaime Lannister, colui che aveva ucciso il suo re rompendo i suoi voti, verrà nominato Lord Comandante al suo posto. Barristan si toglie il suo mantello da Guardia Reale e altre parti della sua armatura gettandole bruscamente sul pavimento, dicendo che lui è un cavaliere e che morirà come un cavaliere. Viene deriso da Petyr Baelish, il quale lo definisce "un cavaliere nudo", causando l'ironia di tutta la corte. Vi sono pochi momenti di tensione quando Barristan estrae la sua spada, ma poi getta anch'essa per terra congedandosi bruscamente da Re Joffrey chiamandolo "ragazzino" per poi lasciare la sala del trono pieno di collera.

Terza stagione

Daenerys incontra Barristan

Barristan Selmy si presenta a Daenerys Targaryen.

Mentre Daenerys Targaryen visita la città di Astapor, nella Baia degli Schiavisti, per trovare un esercito di Immacolati, Ser Jorah nota che una bambina li sta seguendo. Ser Barristan Selmy salva Daenerys da una manticora, un insetto che sta per pungerla con del veleno. Ser Barristan giura poi fedeltà a Daenerys chiedendole di poter servirla diventando sua Guardia Reale. Daenerys e i suoi consiglieri Jorah Mormont e Barristan Selmy raggiungono il palazzo di Kraznys mo Nakloz, schiavista proprietario di un esercito di 8000 Immacolati. Daenerys è intenzionata a comprare tutto l'esercito degli Immacolati e la serva del padrone, Missandei, offrendo in cambio il suo drago più grande. Kraznys accetta l'accordo. Sia Barristan che Jorah cercano di dissuadere Daenerys a cedere un drago poiché troppo importante.
Dany jorah selmy 3x03

Jorah, Daenerys e ser Barristan Selmy ad Astapor.

Daenerys giunge alla dimora di Kraznys mo Nakloz, con Jorah Mormont, Barristan Selmy e Missandei, per l'acquisto dell'esercito degli Immacolati. La donna dà a Kraznys il suo drago più grande e in cambio riceve la frusta simbolo del comando degli Immacolati. Una volta avvenuto lo scambio, però, Daenerys ordina all'esercito di liberare tutti gli schiavi e di uccidere tutti i padroni. Con la parola Dracarys ordina al drago Drogon d'incenerire Kraznys. A scontro ultimato, la khaleesi libera l'esercito, rendendolo libero e volontario. Nessuno, però, lascia i ranghi e 8.000 Immacolati seguono la Regina dei Draghi verso il suo destino.
La corte di daenerys stagione 3

Daenerys con i suoi tre draghi, ser Jorah e ser Barristan.

Daenerys chiede agli Immacolati di scegliere un capitano e loro scelgono un ragazzo di nome Verme Grigio. A Yunkai, la Città Gialla vicino ad Astapor, Daenerys, con i suoi cavalieri Ser Jorah e Ser Barristan e il suo esercito di Immacolati, ha un colloquio con uno dei padroni della città. Daenerys intende conquistare Yunkai e liberare i suoi 200.000 schiavi. Il padrone, Grazdan mo Eraz, offre molto oro alla Madre dei Draghi, che pur accettandolo, ordina all'uomo di liberare tutti gli schiavi, altrimenti la città verrà attaccata. Grazdan rifiuta l'offerta e lascia la tenda. All'accampamento fuori Yunkai, Ser Jorah Mormont dice a Daenerys che la città ha assoldato un gruppo di mercenari chiamato Secondi Figli, guidato da un uomo di nome Mero. La khaleesi, allora, incontra Mero e i suoi luogotenenti Prendahl na Ghezn e Daario Naharis. La donna tenta di persuadere Mero a rinnegare il suo accordo con Yunkai e a combattere per lei e gli concede due giorni di tempo per prendere una decisione. Successivamente, nel campo dei Secondi Figli i tre leader discutono su chi debba uccidere Daenerys. Mediante sorteggio viene scelto Daario.
Daenerys, jorah, missandei e i draghi 3x06

Barristan vede gli schiavi di Yunkai accogliere Daenerys.

Al calar del buio, allora, Daario entra nell'accampamento della Madre dei Draghi vestito da soldato degli Immacolati, irrompe nella tenda di Daenerys e le mostra le teste mozzate di Mero e Prendahl. Dopodiché le giura che sia lui che i Secondi Figli la seguiranno. Daenerys e i suoi consiglieri pianificano l'assedio della città. Daario Naharis informa Daenerys e gli altri della presenza di una porta secondaria, dalla quale lui, Ser Jorah e Verme Grigio potranno entrare ed aprire le porte principali. L'impresa ha successo e la mattina dopo la città si arrende a Daenerys.

Quarta stagione

Daenerys Jorah Missandei Barristan bambina

Barristan osserva la bambina schiava crocifissa sulla strada per Meereen.

Sulla strada per Meereen, Daenerys Targaryen conduce il suo esercito in marcia verso l'ultima delle tre grandi città schiaviste. Giunta alle porte di Meereen, ser Barristan Selmy si offre di affrontare il campione della città Oznak zo Pahl, ma Daenerys rifiuta dicendo che non vuole rischiare la vita della sua Guardia Reale. Barristan assiste quindi allo scontro tra Daario Naharis e Oznak zo Pahl. Quando il campione di Meereen viene sconfitto dal suo uomo, la Distruttrice di Catene chiede agli schiavi presenti di ribellarsi ai propri padroni; con delle catapulte lancia i collari degli schiavi trovati lungo il cammino per la città, stupendo sia gli schiavi sia i padroni di Meereen. Verme Grigio riesce a entrare nella città con un gruppo di Immacolati. Dopo aver fornito delle armi agli schiavi, li convince ad uccidere i loro padroni. Con l'aiuto di questa quinta colonna, la città viene presa facilmente e Daenerys ha la possibilità di vendicarsi degli schiavisti che avevano crocifisso i 163 bambini schiavi, punendoli allo stesso modo. Qui Barristan Selmy cerca di dissuadere Daenerys a prendere questa decisione, dicendole che a volte è meglio rispondere all'ingiustizia con la pietà. La Madre dei Draghi rimane tuttavia della sua opinione dicendo di voler rispondere "all'ingiustizia con la giustizia".

Barristan e Daario consiglio

Ser Barristan partecipa a un concilio di guerra di Daenerys.

Daario informa Daenerys di aver conquistato la flotta della città e Ser Barristan cerca di convincerla a salpare per il Continente Occidentale. Su consiglio di Jorah, però, la giovane decide di riprendersi Yunkai e Astapor (nel frattempo sfuggite al suo controllo) e di rimanere nella Baia degli Schiavisti a governare le tre città da vera regina. Un giorno, ser Barristan Selmy viene avvicinato da un ragazzino che gli consegna un documento del Primo Cavaliere del Re che rivela una terribile verità: un perdono reale firmato da Re Robert Baratheon per i servigi di ser Jorah Mormont per aver spiato Viserys e Daenerys Targaryen, datato 298 CA, l'anno in cui Jorah e Daenerys si sono conosciuti. Ser Barristan confronta Jorah riguardo al documento, prima di dirlo a Daenerys, non volendo farlo alle spalle di Jorah. Più tardi Barristan è presente quando Daenerys esilia Jorah da Meereen.

Quinta stagione

Daenerys e Barristan

Daenerys parla con Ser Barristan alla Grande Piramide.

Verme Grigio riferisce a Daenerys che un soldato Immacolato di nome Topo Bianco è stato assassinato dai Figli dell'Arpia, un gruppo di insorti progettato per rimuovere Daenerys dal potere, mentre visitava un bordello. Verme Grigio, con l'aiuto di Daario Naharis, rintraccia con successo e arresta un Figlio dell'Arpia coinvolto nell'omicidio di Topo Bianco. Più tardi, Barristan Selmy è presente quando Mossador viene giustiziato pubblicamente per aver ucciso il prigioniero prima che potesse avere un processo equo. 

Verme Grigio Barristan morto

Verme Grigio con Barristan Selmy senza vita.

Alla Grande Piramide, Barristan Selmy racconta a Daenerys del suo tempo passato con il Principe Rhaegar Targaryen, descrivendole che tipo di persona fosse. Più tardi, Barristan sta passeggiando per le strade di Meereen e vede che molte persone stanno fuggendo impaurite. Percepito il pericolo, ser Barristan impugna la sua spada e scopre che Verme Grigio e una truppa di Immacolati sono stati attirati un una trappola da un gruppo di Figli dell'Arpia. Giunto in soccorso, Barristan uccide diversi Figli dell'Arpia, ma viene sopraffatto e ferito mortalmente. Dopo aver ucciso anche l'ultimo Figlio dell'Arpia, Verme Grigio, anch'egli ferito, si avvicina al corpo del valoroso cavaliere, che muore a causa delle ferite.

Il cadavere del vecchio cavaliere viene riportato alla Grande Piramide mentre Verme Grigio viene curato. Daenerys, determinata a vendicarsi dei Figli dell'Arpia, ordina che i capi delle famiglie nobili della città vengano arrestati. Lo stesso Hizdahr zo Loraq viene preso prigioniero e, insieme agli altri nobili, viene portato nelle catacombe, dove Daenerys mostra il suo potere dando in pasto uno dei nobili ai draghi Rhaegal e Viserion.

Aspetto e carattere

Selmy è il più abile e rispettato cavaliere dei Sette Regni. Barristan Selmy è alto e con gli occhi azzurri, occhi che Daenerys Targaryen pensa esprimano tristezza. È un uomo anziano (sui sessant'anni all'inizio della serie), con lunghi capelli bianchi e rughe dovute all’età. Daenerys lo considera di bell'aspetto, almeno per un uomo dei suoi anni. Nonostante l’età avanzata, è ancora forte e aggraziato e le capacità combattive sono invariate rispetto alla gioventù. Durante il tempo trascorso nella Guardia Reale, veste di bianco come tutti i membri e porta i capelli rasati. Durante la ricerca di Daenerys si fa crescere una barba bianca.

Dietro le quinte

  • Barristan Selmy è stato interpretato da Ian McElhinney mentre in italiano è stato doppiato da Sandro Iovino dalla Prima alla Quarta Stagione e poi da Fabrizio Temperini nella Quinta Stagione.

Nei libri

Nei romanzi di Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, Ser Barristan Selmy ha un ruolo decisamente più approfondito rispetto alla serie televisiva. Barristan è considerato uno dei cavalieri più formidabili e valorosi di Westeros. Durante il Torneo per il Primo Cavaliere, viene sconfitto solo da Ser Jamie Lannister dopo tre giostre e dopo aver sconfitto uomini più giovani di vent'anni nelle due giostre precedenti. Nella serie televisiva, invece, né Barristan né Jaime sembrano partecipare al torneo. A differenza della serie TV, Barristan è presente alla riunione del Concilio Ristretto in cui Robert ordina l’omicidio di Daenerys Targaryen, a quel tempo incinta. Lui e Eddard Stark sono gli unici membri del Concilio ad alzare una voce di protesta. Nei libri viene specificato che dimettere Barristan dalla Guardia Reale è stata un'idea di Varys. Le motivazioni di Varys divengono chiare più avanti, quando si scopre che sarà lui a mandare Selmy da Illyrio, per permettergli di tornare al servizio dei Targaryen tramite Daenerys. Quando il Re Joffrey ordina di catturarlo e portarlo in giudizio per presunto complotto con i suoi zii traditori, Selmy uccide due delle Guardie Cittadine, comandate da Lord Janos Slynt, che cercano di catturarlo alla Porta del Fango. Prima di lasciare la Fortezza Rossa, entra nella Torre delle Spade bianche e modifica la pagina a lui dedicata all'interno del Libro Bianco, inserendo diligentemente il motivo della sua espulsione. Nella serie televisiva, invece, Barristan lascia semplicemente la sala del trono indignato.

Ser Barristan Selmy rimane momentaneamente ad Approdo del Re girovagando per le strade della città come un mendicante: si fa crescere una lunga barba bianca, indossa una tunica rozza e stivali sporchi di fango, apparendo come l’ennesimo vecchio che scappa dalla miseria. Si perde tra i rifugiati dormendo per strada e sotto i ponti. Non porta più nessun arma se non un vecchio bastone. Barristan presente tra la folla mentre Eddard Stark viene decapitato. Dopo questo fatto raggiunge il Grande Tempio di Baelor per pregare per l’anima di Eddard e ringraziare gli Dei di essere stato solo dimesso. Gli ultimi eventi portano Barristan a rivalutare i suoi anni al servizio nella Guardia Reale di Robert a fianco di personalità quali lo Sterminatore di Re e simili. Arriva così alla conclusione che il suo servizio è stato inscusabile. Ricorda quanto Robert sia stato un ottimo cavaliere ma un pessimo re, e pensa che sia tempo che lui trovi un re per cui valga la pena morire. Questo ragionamento porta Selmy a cercare un passaggio verso Pentos attraverso il Mare Stretto.

Ser Barristan Selmy, nelle vesti di un mendicante, si fa ora chiamare Arstan Barbabianca e finalmente riesca a trovare Daenerys Targaryen nella città di Qarth. Nella serie TV, invece, l'incontro tra Daenerys e Barristan avviene ad Astapor. Barristan salva la Madre dei Draghi dalla manticora uccidendo l'insetto con il suo bastone, non con un pugnale come nella serie. A differenza della serie televisiva, inoltre, Barristan non rivela la sua vera identità a Daenerys e inoltre è in compagnia di Belwas il Forte, un grande guerriero eunuco, di cui Selmy si spaccia come anziano scudiero. Jorah Mormont è fin da subito sospettoso di "Arstan" definendolo lo scudiero più anziano del mondo, ma tuttavia non lo riconosce (cosa che invece fa nella serie TV). Belwas e Barbabianca dicono a Daenerys di essere stati mandati da Illyrio Mopatis per riportarla a Pentos. Arstan Barbabianca segue quindi Daenerys nel sacco di Astapor e poi nella conquista di Yunkai, mantenendo però segreta la sua vera identità, nonostante i sospetti di Jorah. Come nella serie TV, Arstan racconta spesso a Daenerys di suo fratello Rhaegar Targaryen, fatto che fa insospettire ancora di più Jorah, chiedendosi come facesse un anziano scudiero a conoscere così bene il figlio del Re Folle.

Barristan Selmy rivela la sua vera identità a Daenerys Targaryen solo durante la presa di Meereen. Inizialmente Daenerys accusa Barristan di aver tradito la sua famiglia passando dalla parte dell'Usurpatore, ma l'anziano cavaliere le giura fedeltà. Prosegue dicendo di aver dovuto tenere nascosta la sua identità per via della presenza di una spia che li informava sin dal matrimonio con Khal Drogo. Barristan aveva infatti saputo che Jorah spiava Daenerys per conto di Varys poiché aveva partecipato alle riunioni del Concilio Ristretto. Dany capisce allora che la spia è Ser Jorah, informazione che il cavaliere conferma dicendo di averlo fatto in cambio del perdono reale promessogli. Nella serie televisiva, invece, Barristan viene a sapere del tradimento di Jorah quando gli viene consegnato il perdono reale di Mormont, per poi consegnarlo a Jorah stesso e infine a Daenerys. A differenza della sua controparte cartacea, infatti, il Barristan della serie TV non partecipava alle riunioni del Concilio Ristretto.

A differenza della serie televisiva, Daenerys non manda Jorah in esilio, bensì dimette sia lui che Barristan dalla sua Guardia Reale, affidandogli invece una missione suicida: conquistare Meereen infiltrandosi nella città tramite la rete fognaria. Miracolosamente sia Barristan che Jorah sopravvivono e grazie a loro la città viene presto conquistata. Nella serie TV, sono Verme Grigio e un manipolo di Immacolati ad infiltrarsi nella città per esortare gli schiavi a ribellarsi ai padroni. Barristan e Jorah vengono nuovamente portati al cospetto di Daenerys. Barristan implora perdono, spiegandole il motivo dell’abbandono di Viserys. Egli racconta che il fratello sembrava essere folle come il padre, mentre né lei né Rhaegar parevano avere nulla a che vedere con la pazzia di Aerys. Alla fine, Daenerys perdona Barristan accettandolo nella sua Guardia Reale ma bandisce Jorah.

Con il passare del tempo, Barristan si conferma essere fedele a Daenerys e perciò prende il posto di Primo Cavaliere della Regina di Meereen. Barristan non viene ucciso dai Figli dell'Arpia e continua a servire fedelmente la sua regina, assumendo poi la guida del Concilio Reggente di Meereen per governare la città mentre Daenerys è fuggita con Drogon nel Mare Dothraki. Nella serie televisiva, è Tyrion Lannister ad assumere il controllo di Meereen in assenza di Daenerys (nei libri l'incontro tra Tyrion e Daenerys non è ancora avvenuto). Durante l'assedio di Meereen, ser Barristan Selmy si prepara a comandare le difese della città.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.